8-9-10 OTTOBRE 2021

DIVINA CULTURA.
La lingua e la sua difesa,
da Dante agli ipersocial.

URBINO

Fatta l’Italia, bisognava fare l’italiano. Il completamento del processo di unificazione linguistica della nazione si deve all’avvento della radio, e soprattutto della televisione. Già Dante, nel De vulgari eloquentia, aveva progettato l’unificazione linguistica del paese partendo dal presupposto che tutti abbiamo bisogno di esprimerci in una lingua comune: un volgare ideale, illustre, cardinale, aulico e curiale.

Un progetto di unificazione che in parte è rimasto incompleto perché i giornali, ma soprattutto la tv e i nuovi media hanno smesso di svolgere quel ruolo creativo e pedagogico che avevano ai loro esordi. La lingua della comunicazione si è impoverita al punto che difficilmente può aiutare a comprendere la complessità del mondo in cui viviamo. Quell’eloquenza della quale tutti abbiamo bisogno per esprimerci in modo corretto e comprensibile, di cui parla Dante, non l’abbiamo raggiunta.

Cosa può cercare di frenare un declino verso una lingua povera e volgare? Forse lo può e lo deve fare il giornalismo culturale, che ha il compito di diffondere e analizzare i temi più complessi del mondo in cui viviamo. E che può farlo con una lingua che illumini le cose di cui parla.

Il passaggio dal maistream al web e con esso alla attività di socialnetworking ha con molta probabilità ulteriormente modificato la lingua e il linguaggio.

La grande ricchezza, anche semioticamente intesa, della parola ha una sua forza sia che la si usi nel mainstream che nella rete.

Dalle citazioni dotte ai meme, la lingua passa anche attraverso l’immagine e attraverso le tante forme della cultura: dall’arte visiva alla letteratura, dall’economia alla architettura e attraverso tanto altro ancora…

Da questo incipit parte la riflessione e il lavoro di Fgcult2021, la nona edizione.

Ultime news

#FGCult20

2020-08-10

Da Vito Mancuso a Guido Tonelli: il monastero di Fonte Avellana sarà il centro della prossima edizione dedicata a cultura e scienza   Lella Mazzoli, direttrice del festival di giornalismo culturale, la cultura riuscirà là dove la medicina ci sta provando, ovvero a battere il covid? «Se riuscirà o meno non lo so, ma certamente […]

2020-06-25

GIORNALISTI, FILOSOFI, TEOLOGI, SCRITTORI E SCIENZIATI AL FESTIVAL DEL GIORNALISMO CULTURALE C’è un tema ineludibile per chiunque, oggi, voglia confrontarsi con il problema del rapporto tra scienza e cultura o, per meglio dire, tra cultura scientifica e cultura umanistica: l’uomo è capace di dominare il prodotto della scienza e della tecnica, o non rischia di […]

2019-10-11

📚Cos’è successo durante la 7° edizione del Festival del giornalismo culturale? Quali sono stati gli ospiti? Di cosa si è discusso? Rivivete tutte e sei le giornate del #fgcult19 sfogliando i Momenti (raccolte del live-twitting per giornate) e guardando le pillole video. 14 SETTEMBRE 2019 Live-twitting: https://twitter.com/i/moments/1173934639649579008 15 SETTEMBRE 2019 Live-twitting: https://twitter.com/i/moments/1173981289713717248 Pillola video del 14 e 15 SETTEMBRE: […]

Dalle edizioni passate



Iscriviti alla nostra
Newsletter

FGCult